Addio packaging

Schermata-2014-07-07-alle-12.56.06

Qualche tempo fa abbiamo parlato di packaging biodegradabile. Oggi vediamo un approccio ancora più radicale, anche se forse meno moderno: la totale eliminazione del packaging nei negozi alimentari al dettaglio. Consideriamo questo approccio meno percorribile, anche se all’apparenza convincente, perchè non tiene in considerazione la funzione protettiva e di conservazione degli alimenti svolta dal packaging, funzione che aiuta a contenere lo spreco alimentare e ad aumentare la sicurezza. Quello che è certo è che la ricerca di un approccio più consapevole alla produzione dei rifiuti causata dal packaging alimentare stà alimentando una spiccata creatività.

Questa estate a Berlino aprirà un negozio di generi alimentari di nuovo concept, in grado di eliminare ogni tipo di spreco legato agli imballaggi alimentari.

Il negozio non venderà niente che sia confezionato in un contenitore usa e getta, che sia una borsa, un vasetto o una scatola.

Sul loro sito web i fondatori Sara Lupo e Milena Glimbovski spiegano che piuttosto i clienti avranno la possibilità di acquistare prodotti alimentari senza creare tanto spreco.

Le due imprenditrici hanno raccolto fondi per il progetto attraverso prestiti privati ​​da parte di investitori con una spiccata coscienza ambientale. L’obiettivo di 61 mila dollari, necessari per iniziare a lavorare sul negozio, è stato superato, raddoppiato a 124,000 dollari entro l’inizio di luglio.

Il tentativo è quello di dimostratre che il più grande aiuto per la salvaguardia dell’ambiente potrebbe derivare da un cambiamento delle abitudini di acquisto. La cosa è possibile e il successo del crowdfunding sarebbe lì a dimostrarlo. Eppure, anche se plausibile a Berlino, questo concetto potrebbe prendere piede fra gli acquirenti americani, così a loro agio fra carta e plastica? O questa novità sarà relegata agli hipsters di New York e gli hippy del Vermont?

I fondatori di Unverpackt esprimono ottimismo: la loro idea si diffonderà al resto del mondo. Questa generazione ha “disseminato il mondo”, dicono. Così forse la prossima – tedeschi e americani allo stesso modo – sceglierà un modello diverso. Questo nuova generazione illuminata di umani porterà borse riutilizzabili e bottiglie e trasformerà un piccolo minimarket in un bene superiore.

Ecco  un video in lingua tedesca, sottotitolato in inglese, su Original Unverpackt.

Lascia un Commento