ITALIATARTUFI

Esiste un posto nelle Marche, al confine con l’Emilia-Romagna, dove l’antica tradizione dei maestri tartufai si è incontrata con l’innovazione e la ricercatezza delle moderne tecnologie. Questo posto è Cagli, in provincia di Pesaro-Urbino, e oggi siamo andati a conoscere Simone e Pamela di ITALIATARTUFI.

DSC04403

 

Da dove ha origine la storia della vostra azienda?

Nel nome di Italiatartufi c’è racchiusa tutta la storia e la passione di una famiglia dedita, fin dal 1970, alla ricerca di tartufi. I racconti che ci sono stati tramandati hanno come protagonista nonno Tarquinio ed il suo fedele e scodinzolante compagno Ufo che, ogni mattina partivano per i boschi di querce e di pioppi in quel di Cagli, mossi dalla stessa passione per la ricerca del prelibato tubero.

Uno dei punti forti della vostra azienda è senz’altro la fusione tra antico e moderno, secondo voi è stata questa la carta vincente per fare il fatidico salto di qualità?

Esatto, ed è proprio per questo che ci piace raccontare la nostra storia: perché il nostro lavoro è frutto dell’unione tra la tradizione presente nei nostri prodotti e l’innovazione, con un packaging nuovo e fresco, oltre che nella ricerca e realizzazione di prodotti sempre nuovi che rispondano alle esigenze di un mercato in continua evoluzione e cambiamento. Questo, ovviamente, ci permette anche di differenziarci rispetto ai nostri concorrenti: abbiamo puntato su un’immagine ed un prodotto innovativi, ma con la tradizione all’interno: la nostra attenzione per la qualità degli ingredienti e l’origine delle materie prime, infatti, ci ha consentito di essere riconosciuti ed ottenere la prestigiosa certificazione “azienda 100% made in Italy”. Il mix di tutti questi elementi, inoltre, ha contribuito ad affermare il posizionamento dei nostri prodotti in una fascia alta di mercato.

 

Parlando, appunto, di mercati di riferimento, qual è nello specifico il vostro?

Partiamo da un grande presupposto: il fatturato della nostra azienda è per più del 70% estero. In particolare, a tutt’oggi siamo presenti nei principali canali distributivi d’Europa, Asia e Usa (in particolare nelle prestigiose aree di Miami e NY). Ed è anche per questo siamo così attenti alla nostra immagine. Nel corso degli anni infatti abbiamo riscontrato che per la nostra categoria di prodotti è importantissimo avere un packaging mirato soprattutto, appunto, nella vendita destinata ai Paesi esteri.

Quindi i vostri prodotti sono destinati soprattutto ai grandi canali distributivi esteri?

La nostra filosofia è sempre stata quella di considerare “un piccolo cliente allo stesso modo di un grande cliente”, per questo vendiamo, in Italia come all’estero, sia attraverso il canale diretto sia attraverso i distributori. Mettiamo la stessa cura e professionalità nel gestire un cliente privato così come un buyer importante perché è così che ci piace lavorare: ogni nostro cliente è, prima di tutto, qualcuno con cui condividere un progetto.

In che senso?

Uno dei nostri punti di forza è senza ombra di dubbio la collaborazione con i nostri clienti, per riuscire a personalizzare alcuni dei prodotti in base a delle loro esigenze specifiche. Nella nostra esperienza di commercio con l’estero, ad esempio, ricordiamo sempre con grande soddisfazione la realizzazione di un prodotto ad hoc per un importatore del Nord Europa che era alla ricerca di una crema di tartufo particolare destinata alla realizzazione di formaggio molto pregiato. Noi siamo riusciti a proporre il prodotto migliore ed abbiamo condiviso un grande progetto con un nostro cliente. E’ questo quello che noi consideriamo “attenzione al cliente” ed è ciò che ci ispira nel lavoro di ogni giorno.

 

Parlando di progetti per il futuro, immagino bolla in pentola più di un’idea…

Innanzitutto la nostra ambizione è quella di affermarci come una delle aziende leader del settore ed aumentare il fatturato in Europa. Nello specifico, l’obiettivo è quello di essere riconosciuti come un’azienda che fa qualità: di prodotto e, come dicevamo prima, di servizio al cliente. Tra i progetti futuri, inoltre, rientra la missione “crescere pulito”. Con questo progetto intendiamo svolgere una sorta di educazione del cliente sulla qualità del tartufo; ovvero fornirgli una conoscenza tale affinché possa essere in grado di capire quando un tartufo fresco è buono e quando un prodotto al tartufo è davvero di qualità. Per questo stiamo ampliando la nostra produzione introducendo la linea del biologico. La nostra innovazione consiste anche nel lanciare ogni anno un nuovo prodotto che può essere una sfida, come la recente crema di salmone e tartufo bianco, proponendo un abbinamento insolito tra tartufo e pesce; oppure, che tenga conto di nuove esigenze.   Cosa dire, non ci resta che tenerci aggiornati sulle numerose sorprese che nei prossimi mesi Italiatartufi riserverà ai tantissimi appassionati del pregiato tubero. Per farlo, vi segnaliamo, oltre al sito ufficiale, la fanpage su Facebook , l’account Twitter ed il canale Youtube.

prodotto-dell-anno-crema-di-salmone-e-tartufo-bianco

http://www.italiatartufi.com

http://www.facebook.com/ITALIATARTUFI

http://twitter.com/ITALIATARTUFI

http://www.youtube.com/user/ITALIATARTUFI

O pensavate che un’azienda così attenta alla comunicazione dei propri prodotti, non fosse anche attiva su tutti i principali Social?

Lascia un Commento