Persone

FirmaWine-01

 

Questa linea di vini è in realtà il gioco creativo di Firma, agenzia di branding e advertising di Mosca. Di cosa si tratta? Ogni anno i creativi di Firma producono un’etichetta per vino a partire dal ritratto di uno dei fondatori dell’agenzia. E questo vino, così “firmato”, diventa l’omaggio promozionale dell’agenzia ai propri clienti.

L’utilizzo di bottiglie di vino con grafica personalizzata per fare promozione non è certo una novità, ma l’utilizzo di volti per il design dell’etichetta può essere considerato un esempio interessante di applicazione della fotografia alla grafica; o ancora meglio un trasferimento di valori fra le persone che producono e il prodotto stesso. In altre parole il prodotto non è buono in se’, ma in quanto risultato del sistema di valori rappresentato dal produttore stesso. In questo caso c’è anche il valore aggiunto della fidelizzazione della clientela alle “persone” dell’agenzia. Una bella idea.

Così ne parlano i responsabili dell’agenzia:

Firma ha creato un concept di confezionamento del vino basato sulla storia dello studio a partire dal 2006 fino ad ora.Ogni anno Firma produce una nuova etichetta-volto, composta di visi dei suoi fondatori e  basati sull’idea dell’anno: cercatori di diamanti nel 2014, astronauti nel 2013, della serie Heroes nel 2012, ecc.  Nel 2014 Firma ha creato un concept di confezionamento di vino di marca commerciale, basata su questa idea.

 

Quelli di Firma non sono però gli unici ad aver avuto questa intuizione. Anzi esisteranno certamente molti casi di applicazione di questo principio di comunicare le “persone”. Vediamone uno italianissimo, abruzzese per la precisione, che applica lo stesso principio, ma con uno stile diverso, e probabilmente con maggior significato.

 

In questo caso si tratta di sughi pronti della tradizione contadina abruzzese, prodotti da U-alimentari. Le “persone” fotografate sono gli stessi contadini che producono la materia prima da cui derivano i sughi. E qui il visual è ancora più azzeccato, perchè esiste un patrimonio di valori positivi attribuito alla tradizione contadina relativo alla genuinità dei prodotti alimentari. L’utulizzo del bianco e nero aiuta a farci tornare nel bel mondo antico di una volta, insieme alla definizione “sughetti”, amichevole e vicina.

Che vi piaccia o no, si tratta di un modo non banale di mettere in risalto la tradizione, non puntando su improbabili grafiche che richiamano il passato e risultano spesso povere e banali, ma puntando sulla fotografie e sulle persone.

Ci sono 6335 persone a Fossacesia. Tutte diverse e tutte uniche. Qui mostriamo il loro vero carattere, le loro espressioni ed emozioni riprodotte sulle etichette che a noi piace definire narranti, tutte immagini “vere” di protagonisti del vissuto di un piccolo paese di campagna. I sigilli di garanzia invece inneggiano frasi dedicate al sorriso, all’amicizia, all’amore, all’umanità. Questo ci piace comunicare e pensare, semplice ottimismo misto alle cose vere, reali. Così come ci piace trasmettere buonumore, gioia e serenità.

Lascia un Commento